Massimiliano Ballisai

sul ring di Parigi

con il marchio It Wild

Un po’ di It Wild anche a Parigi. Il marchio astigiano dedicato alla carne prodotta da allevamento “grass fed” accompagnerà come sponsor sul ring il pugile torinese Massimiliano Ballisai. Giovedì il boxeur, che giunge con questa alla sua 24esima apparizione tra i professionisti (con 20 vittorie di cui ben 12 per k.o.), sfiderà infatti il temibile francese Yvan Mendy per il titolo intercontinentale IBF (International Boxe Federation), categoria Pesi Leggeri. «Un titolo importante - ci racconta Massimiliano - Chi vince entra nella lista dei primi 15 pugili al mondo della lega IBF».


Massimiliano, che abbiamo incontrato alla Skull Boxe Canavesana, tempio del pugilato astigiano in corso Torino 445, ha completato proprio nella palestra gestita da Davide Greguoldo la preparazione al match in terra francese. «Davide sarà al mio angolo insieme a Samuel Davalle - prosegue Massimiliano - Ci siamo conosciuti due anni fa ed è nata subito una grande amicizia che col tempo si è trasformata in un vero e proprio rapporto di fiducia. Siamo in grande sintonia e grazie al suo aiuto posso rifinire al meglio la mia preparazione seguendo il mio programma».

«Un filetto buono e nutriente come quello di ItWild
credo di non averlo mai mangiato in vita mia»

«Sarà un match duro e pericoloso - confida Ballisai - Mendi è un atleta temibile e molto esperto, non credo che finiremo ai punti. Però sono carico e mi sento pronto». Certamente, in questa breve trasferta astigiana, ha giovato al suo spirito l’aver trovato ospitalità in quel di Cascina Lissona (Località Valgera 57, Asti), struttura dove hanno casa i manzi allevati secondo il disciplinare “grass fed” cui si ispira It Wild.

 

Lo stesso Ballisai ci racconta di aver trovato qui un «ritiro sereno» e la migliore alimentazione possibile per completare la sua preparazione in vista dell’incontro. E si sa quanto per un professionista, specialmente un pugile, l’alimentazione giochi un ruolo decisivo ai fini del risultato sul ring. «Un filetto buono e nutriente come quello di ItWild credo di non averlo mai mangiato in vita mia», confessa.

«Mia figlia mi ha fatto mettere sale in zucca
ma lassù tra le corde non posso rallentare»

Cresciuto a Settimo Torinese, Massimiliano Ballisai va per i 32 ed è papà di una bellissima bimba di 2 anni di nome Rebecca. «E’ lei a darmi la carica e ad avermi messo un po’ più di sale in zucca - sorride - Le promesse che le faccio prima di ogni incontro mi aiutano a dare tutto sul ring. Certo, da quando sono papà mi sento più responsabilizzato e penso spesso di “dover portare la pelle a casa”, ma lassù fra le corde non posso rallentare».

 

E il futuro? Per ora Massimiliano non ci pensa, o meglio, si dedica anima e corpo a questo lavoro che significa tanta passione e sacrificio insieme. Eppure qualche idea in cantiere c’è, dall’aprire una palestra tutta sua a quella di acquistare un food truck con cui lavorare in giro per l’Italia, anche nelle rassegne dedicate allo street food. «Sono un vero appassionato di cucina, è più forte di me: mi rilassa e mi fa star bene», conclude.

 

Per chi volesse conoscere meglio Massimiliano Ballisai, c'è la sua pagina facebook,

Agriturismo Cascina Lissona, località Valgera 57 - 14100 Asti Italy.

Telefono: +39 328 3556975

mail: info@agriturismocascinalissona.com

© 2014-2017 Cascina Lissona. Tutti i diritti riservati